Latest Articles


16.04.2014
Timothy Snyder

Europe and Ukraine: Past and future

The history of Ukraine has revealed the turning points in the history of Europe. On 25 May both Ukrainians and EU citizens can decide which way things will turn this time. Ukraine has no future without Europe, but Europe also has no future without Ukraine. [ more ]

14.04.2014
Tim Groenland

Lost in the funhouse

11.04.2014
János Széky

A tradition of nationalism

09.04.2014
Nataliya Tchermalykh

The warm cold winter

09.04.2014
Eurozine Review

Whoever shoots first loses

New Issues


16.04.2014

Belgrade Journal of Media and Communications | 4 (2013)

Ultimate European crisis II
08.04.2014

Osteuropa | 1/2014

Im Namen des Volkes. Revolution und Reaktion
08.04.2014

Spilne | 7 (2014)

Second World

Eurozine Review


09.04.2014
Eurozine Review

Whoever shoots first loses

"Krytyka" says the protests in Ukraine should make the EU realize it has a global mission; "Prostory" documents the Maidan; "Osteuropa" warns it's high time to focus on the Polish extreme Right; "New Eastern Europe" locates the last frontier of Kundera's Central Europe; "Free Speech Debate" says hate speech bans have no place in fully fledged democracies; "Spilne" anticipates a socialist moment in the western system; "Merkur" analyses the capitalist persona: from civilizing force to the root of all evil; "Kulturos barai" ponders how to survive technology; "Revolver Revue" refuses to forget the Jews lost to the Nazis but erased under Czech communism; and "Dilema veche" asks who's afraid of Romanians and Bulgarians?

26.03.2014
Eurozine Review

Breaking the anthropic cocoon

12.03.2014
Eurozine Review

When TV regimes kick in

26.02.2014
Eurozine Review

Goodbye Gutenberg Galaxy!

12.02.2014
Eurozine Review

The new wretched of the earth



http://www.eurozine.com/articles/2011-05-02-newsitem-en.html
http://mitpress.mit.edu/0262025248
http://www.eurozine.com/about/who-we-are/contact.html
http://www.eurozine.com/articles/2009-12-02-newsitem-en.html

My Eurozine


If you want to be kept up to date, you can subscribe to Eurozine's rss-newsfeed or our Newsletter.

Articles
Share |


Alla (ri)scoperta dell'umanesimo


Nel campo degli studi sulle traduzioni, la Turchia rappresenta un caso davvero unico e specifico. La stessa modernità turca è un processo di traduzione, dal momento che non può essere considerata indipendentemente dalla volontà di occidentalizzazione. Durante l'ultima fase dell'impero ottomano quando la "revitalizzazione" dello Stato appariva una necessità non procrastinabile, l'unico prerequisito sembrava essere il trapianto delle istituzioni occidentali. Anche se iniziato come un "intervento neutrale", questo modello assunse presto una piega caratteristica e divenne di per sé rigorosamente ideologico poiché il trapianto non riguardava esclusivamente la tecnologia, ma anche la sottostante visione generale del mondo.

Politics of translation


Our understanding of the field of translation studies has in recent years taken on many more meanings and now encompasses spheres beyond the usual textual dimension: Translation today is as much about the translation of cultural, political, and historical contexts and concepts as it is about language.

Introduction
Politics of translation
António Sousa Ribeiro
The reason of borders or a border reason?
Hasan Bülent Kahraman
Translating the translation
Tomislav Longinovic
Balkan in translation
Rada Ivekovic
Transborder translating
Mischa Gabowitsch
Translation as tragedy and farce
Erica Johnson Debeljak
Gained in translation
La nozione di materialismo è uno dei risultati di questo intervento e, nel periodo compreso tra il 1876 e il 1908, la Turchia istituì una delle sue strutture più spettacolari e meditate: l'Ufficio traduzioni. E' convinzione ampiamente diffusa che l'ufficio traduzioni sia stata la culla, tanto dell'intellighenzia quanto della modernità turca, visto che la seconda rappresenta la volontà teleologica della prima. Inoltre, il modello turco di modernità è sempre stato sotto l'assoluta influenza del positivismo dominante tra gli intellettuali d'avanguardia. Cosa che andrebbe ritenuta sostegno naturale al processo di traduzione.

Evidentemente, alla radice di questo modello e di questo processo c'è la proclamazione della Repubblica turca. Appena fondata, infatti, la Repubblica si rivolse agli intellettuali e non solo considerò l'occidentalizzazione il suo principale obiettivo ma credé anche che il raggiungimento di questo obiettivo dipendesse dalla scuola e dall'istruzione. Tra i primi passi di questo sviluppo, nel corso degli anni Trenta e sotto l'influenza delle teorie fasciste derivanti dall'Europa contemporanea, avvennero due fatti importantissimi dal punto di vista culturale. Il primo fu l'istituzione dei dipartimenti di studi classici all'interno di quelli di Ittitologia e Sumerologia nelle università di Ankara e di Instanbul – in larga misura con l'assistenza di studiosi ebreo-tedeschi fuggiti dal regime nazista. L'altro fu l'apertura nella città di Ankara di un ginnasio classico che poneva particolare enfasi sull'insegnamento del greco e del latino come conseguenza dell'alta considerazione in cui venivano tenute le culture greca e romana considerate le radici della civiltà occidentale.

Negli anni Quaranta, questo approccio fece un ulteriore passo in avanti. Sempre ad Ankara l'Ufficio traduzioni venne istituito come dipartimento del Ministero dell'Istruzione Nazionale e assunse la maggior parte dei più importanti intellettuali dell'epoca affinché contribuissero al grande obiettivo di tradurre in lingua turca i classici occidentali. In quanto parte di questo progetto – destinato ad essere poi abbandonato pochi anni più tardi – sono state scritte e pubblicate centinaia di traduzioni sotto l'egida del Ministero dell'Istruzione turco. Si trattò di una missione unica, ancora insuperata nella storia culturale della Repubblica turca, e il cui scopo era, senza dubbio, la creazione di un "cittadino nuovo".

Anche se l'iniziativa vanta una lunga storia che può essere fatta risalire al diciannovesimo secolo, la missione repubblicana è stata ancora più radicale. Una circostanza particolare che andrebbe ricordata è che il cuore del progetto dipendeva dal fatto che ogni cosa era stata modellata e formulata dalla forte volontà dell'élite dominante, nel clima creato da un regime di partito autoritario. Man mano che la Turchia avanzava verso una nuova fase politica e si apriva la possibilità di un regime multipartitico relativamente democratico, l'enfasi posta su questo approccio "missionario" iniziò a svanire. L'asse della volontà politica si spostò sulle forze marginali piuttosto che su quella centrale e i metodi populisti e i compromessi compiuti per forzare le masse non si curarono di quella che potremmo definire la "missione della traduzione".

Al momento, è piuttosto difficile sostenere la funzionalità, sia dal punto di vista pratico che ideologico, di un tale progetto per svariate ragioni: innanzitutto, l'approccio quasi esclusivamente eurocentrico evidenzierebbe come un progetto di questo tipo non possa essere oggi né sostenuto né proposto; in secondo luogo, l'idea di un canone occidentale, dopo molte analisi e dibattiti appassionati, ha raggiunto oggi un punto che andrebbe considerato attentamente. Queste due condizioni hanno effetti anche sul concetto di letteratura comparata, spingendolo verso una nuova posizione in cui vengono privilegiate metodologia ed epistemologia multiculturali e pluraliste. La nuova era del multiculturalismo non solo punta in direzione di nuovi campi di ricerca e di studio come nel caso dei subaltern studies, degli studi femministi, di quelli sulle minoranze e di altri simili, ma dà anche nuovo contenuto e nuova forma alla nozione di umanesimo.

L'umanesimo, a lungo sottovalutato, sta ora attraversando un momento di revival. Come osserva Emily Apter in uno dei suoi articoli recenti, figure importanti come quella del defunto Edward Said, che ha contribuito alla nuova fase degli studi di letteratura comperata, ha assunto – in ultima analisi – una posizione che non contestava e neppure ignorava l'importanza dell'umanesimo. D'altro canto, una più ampia comprensione dell'umanesimo è sempre presente alla base di tutti i possibili approcci al subalterno, all'oppresso o al represso. L'unica condizione è che l'umanesimo acquisti, a questo proposito, nuova sostanza. Non più nella versione romantica ottocentesca, che si fondava sulla nozione della grandezza della Grecia e della Roma antiche, ma in una versione più secolare e terrena, per usare i concetti chiave di Said.

Il ventesimo secolo si è concluso con la forte volontà di creare una nuova comprensione dell'umanità. Il tragico crollo del regime autoritario turco, che, da una certa prospettiva, non può essere condannato per lo zelo mostrato nel costruire un nuovo mondo fondato sull'uguaglianza e sul sapere scientifico, non è riuscito a rendere felice il genere umano, a causa dell'enfasi data alla realtà futura piuttosto che a quella presente. Alcune generazioni sono state sacrificate per migliorare il destino di quelle future. Inoltre, anche la ricerca di omogeneizzazione ha impedito l'accesso della società alla ricchezza della pluralità e all'abbondanza delle differenze.

Le nuove proposte sono volte a incoraggiare l'eterogeneità e il pluralismo. Gli sviluppi tecnologici hanno fornito un sostegno importante al raggiungimento di questi obiettivi. I nuovi concetti che sono stati sviluppati alla fine del ventesimo secolo sono stati soprattutto il risultato di una condizione particolarissima che può essere sintetizzata come una sfida posta dalla geografia alla storia. A questo proposito, il ventesimo secolo ha assistito all'emergere di fenomeni come la frammentazione, la transizione, il superamento dei confini. Tutti questi concetti sono strettamente connessi all'importanza attribuita a temi come quello della memoria, dell'identità, del corpo, del genere e della sessualità.

Si potrebbe sostenere che tutte queste idee facciano parte di una nuova concezione di traduzione, che, tuttavia, non è né una traduzione da un linguaggio ad un altro nel senso stretto del termine, né la traduzione da un testo ad un altro, ma la traduzione di concetti come comprensione umana, tolleranza, altruismo. In altre parole, ancora una volta emerge in superficie ciò che viene rappresentato nella traduzione, ma in maniera più complessa e anche più essenziale. La traduzione è sempre stata una condizione pertinente all'umanesimo; ora il punto è che l'essere umano viene tradotto con tutti gli elementi intellettuali necessari.

Leo Spitzer, che ha trascorso parte della propria vita a Istanbul e ha fondato il centro di Studi Romani presso l'università della città turca, era in fondo un umanista. Questa caratteristica molto significativa di Spitzer è rivelata da un paradosso che egli ha esibito continuamente. Da un lato, infatti, Spitzer professava il potere "comparativo" della letteratura mentre dall'altro sosteneva l'idea che una lingua non potesse essere tradotta in un'altra. Quest'idea era certamente una conseguenza del rispetto e dell'amore che Spitzer nutriva per la nozione astratta di lingua. Non ci dovrebbero essere obiezioni alla sensibilità di Spitzer. Eppure, ora è arrivato il momento di sostenere che l'unico rimedio per i problemi esistenti dell'umanità è la traduzione, una traduzione in senso lato.

 



Published 2006-01-12


Original in Turkish
Translation by Martina Toti
First published in Caffè Europa (Italian version) and Varlik 1/2004 (Turkish version)

Contributed by Caffè Europa
© Hasan Bülent Kahraman/Varlik
© Eurozine
 

Focal points     click for more

Ukraine in focus

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/publicsphere.html
Ten years after the Orange Revolution, Ukraine is in the throes of yet another major struggle. Eurozine provides commentary on events as they unfold and further articles from the archive providing background to the situation in today's Ukraine. [more]

The ends of democracy

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/democracy.html
At a time when the global pull of democracy has never been stronger, the crisis of democracy has become acute. Eurozine has collected articles that make the problems of democracy so tangible that one starts to wonder if it has a future at all, as well as those that return to the very basis of the principle of democracy. [more]

Russia in global dialogue

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/eurocrisis.html
In the two decades after the end of the Cold War, intellectual interaction between Russia and Europe has intensified. It has not, however, prompted a common conversation. The focal point "Russia in global dialogue" seeks to fuel debate on democracy, society and the legacy of empire. [more]

Hungary

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/eurocrisis.html
In recent years, Hungary has been a constant concern for anyone interested in European politics. We have collected articles published in Eurozine on recent developments in Hungary and broader issues relating to Hungarian politics, history and culture. [more]

The public sphere in the making

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/publicsphere.html
The public sphere is not something given; it is made - over and over again. But which actors are involved and what roles do they play? Is there a difference between an intellectual and an expert? And in which media or public space does the debate take place? [more]

The EU: Broken or just broke?

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/eurocrisis.html
Brought on by the global economic recession, the eurocrisis has been exacerbated by serious faults built into the monetary union. Contributors discuss whether the EU is not only broke, but also broken -- and if so, whether Europe's leaders are up to the task of fixing it. [more]

Time to Talk     click for more

Time to Talk, a network of European Houses of Debate, has partnered up with Eurozine to launch a new online platform. Here you can watch video highlights from all TTT events, anytime, anywhere.
Robert Skidelsky
The Eurozone crisis: A Keynesian response

http://www.eurozine.com/timetotalk/the-eurozone-crisis-a-keynesian-response/
Political economist and Keynes biographer Robert Skidelsky explains the reasons for the failure of the current anti-crisis policy and how Europe can start to grow again. Listen to the full debate organized by Krytyka Polityczna. [more]

Support Eurozine     click for more

If you appreciate Eurozine's work and would like to support our contribution to the establishment of a European public sphere, see information about making a donation.

Vacancies at Eurozine     click for more

There are currently no positions available.

Editor's choice     click for more

Marcus Rediker
Ghosts on the waterfront

http://www.eurozine.com/articles/2012-07-27-rediker-en.html
Historian Marcus Rediker describes the sailing ship as linchpin of the emergent transatlantic economic order and instrument of terror for slaves transported from Africa, going on to discuss European harbour cities' role in the slave trade and their responsibilities in reckoning with its moral legacy. [more]

Literature     click for more

Olga Tokarczuk
A finger pointing at the moon

http://www.eurozine.com/articles/2014-01-16-tokarczuk-en.html
Our language is our literary destiny, writes Olga Tokarczuk. And "minority" languages provide a special kind of sanctuary too, inaccessible to the rest of the world. But, there again, language is at its most powerful when it reaches beyond itself and starts to create an alternative world. [more]

Piotr Kiezun, Jaroslaw Kuisz
Literary perspectives special: Witold Gombrowicz

http://www.eurozine.com/articles/2013-08-16-kuisz-en.html
The recent publication of the private diary of Witold Gombrowicz provides unparalleled insight into the life of one of Poland's great twentieth-century novelists and dramatists. But this is not literature. Instead: here he is, completely naked. [more]

Literary perspectives
The re-transnationalization of literary criticism

http://www.eurozine.com/comp/literaryperspectives.html
Eurozine's series of essays aims to provide an overview of diverse literary landscapes in Europe. Covered so far: Croatia, Sweden, Austria, Estonia, Ukraine, Northern Ireland, Slovenia, the Netherlands and Hungary. [more]

Debate series     click for more

Europe talks to Europe

http://www.eurozine.com/comp/europetalkstoeurope.html
Nationalism in Belgium might be different from nationalism in Ukraine, but if we want to understand the current European crisis and how to overcome it we need to take both into account. The debate series "Europe talks to Europe" is an attempt to turn European intellectual debate into a two-way street. [more]

Conferences     click for more

Eurozine emerged from an informal network dating back to 1983. Since then, European cultural magazines have met annually in European cities to exchange ideas and experiences. Around 100 journals from almost every European country are now regularly involved in these meetings.
Making a difference. Opinion, debate and activism in the public sphere
The 25th European Meeting of Cultural Journals
Oslo, 29 November - 2 December 2013

http://www.eurozine.com/comp/oslo2013.html
Under the heading "Making a difference. Opinion, debate and activism in the public sphere", the 2013 Eurozine conference focused on cultural and intellectual debate and the production of the public sphere. [more]

Multimedia     click for more

http://www.eurozine.com/comp/multimedia.html
Multimedia section including videos of past Eurozine conferences in Vilnius (2009) and Sibiu (2007). [more]


powered by publick.net