Latest Articles


20.01.2017
Miloš Vec

I wanna hold your hand

Controversies over Muslims refusing to shake hands with non-Muslims are typical of the conflicts affecting today's multi-religious societies. Appeals to the law are not the answer: processes of social self-regulation need to take their course beyond formal authority, argues Miloš Vec. [ more ]

20.01.2017
Adam Zagajewski

A defence of ardour

11.01.2017
Shalini Randeria, Anna Wójcik

Mobilizing law for solidarity

10.01.2017
Ira Katznelson, Agnieszka Rosner

Solidarity after Machiavelli

31.12.2016
Camille Leprince, Lynn SK

Portraits of three women...

Eurozine Review


22.12.2016
Eurozine Review

The destruction of society

'Osteuropa' rages at the destruction of Russian society; 'Merkur' delves into the history of Eurasianism; 'Vikerkaar' is sanguine about the decline of universalism; 'New Eastern Europe' has divided opinions about borders; 'Ord&Bild' finds humanism at sea; 'Il Mulino' debates the difficulties of democracy in Italy and the West; 'Blätter' seeks responses to the whitelash; 'Mittelweg 36' historicizes pop and protest; 'Critique & Humanism' looks at Bulgarian youth cultures; 'Res Publica Nowa' considers labour; and 'Varlik' examines the origins of literary modernism in Turkey.

24.11.2016
Eurozine Review

The ordinary state of emergency

20.10.2016
Eurozine Review

The Lilliput syndrome

14.09.2016
Eurozine Review

The violent closet?

27.07.2016
Eurozine Review

Peak democracy?


http://www.eurozine.com/articles/2011-05-02-newsitem-en.html
http://mitpress.mit.edu/0262025248
http://www.eurozine.com/about/who-we-are/contact.html
http://www.eurozine.com/articles/2009-12-02-newsitem-en.html

My Eurozine


If you want to be kept up to date, you can subscribe to Eurozine's rss-newsfeed or our Newsletter.

Articles
Share |

Kiev, l'arte di strada che serve al potere

Giganteschi murales che coprono intere pareti. Approvati dalle autorità in nome di una legge sull'eliminazione dei simboli sovietici. Così la città sembra la Brooklyn degli artisti. Ma alla fine è solo altra propaganda

"Mi copro il volto con un passamontagna perché la mia arte non piace a tutti e qualcuno potrebbe picchiarmi. Mi firmo Enjoy, sono nato in Crimea. La mia terra è stata occupata dalla Russia e le mie idee politiche sono diverse. Disegno sui muri usando l'ironia, sono scappato dalla Crimea perché sarebbe inutilmente pericoloso combattere solo con la vernice". In Ucraina non tutti i writer si coprono il viso. Alcuni mostrano sé stessi e i propri lavori in maniera grandiosa, su muri di palazzi di 15 piani. La faccia di Kiev sta cambiando a più di due anni dalla sanguinosa protesta di piazza Maidan (la "Rivoluzione della Dignità" per gli ucraini), per molti è la nuova Brooklyn, dove artisti trovano carta bianca (e palazzi grigi) per dipingere e costruire da zerounanuova immagine di città.Legalmente. Prima nel centro della capitale le uniche scritte sui muri erano messaggi contro l'ex presidente Janukovyc, oppure appelli dei partiti di destra per cercare reclute da inviare al fronte nel Donbas. Ora c'è dell'altro.

Un'opera di Sasha Korban sui muri della capitale ucraina.


"Dopoi fatti di Maidan le bombolette migliori non si vendono più, costano troppo. Ci tocca usare la vernice che avanza dalle ristrutturazioni delle case". Mykyta Olifirenko (in arte Neakone) è il padrone di casa di Garage Family, un vecchio rifugio sovietico immerso in un bosco a 30 minuti a piedi dal centro di Kiev. Lui e un gruppo di writer old-school lo hanno occupato, vendono bombolette e incontrano artisti, musicisti, creativi. Questa è la faccia autentica della scena della street art ucraina. Illegale, veloce, fatta di bombing, backjump sui treni e tag con il volto coperto da una balaclava. Queste sono le radici anarchiche di un albero che è cresciuto, però, con una forma un po' diversa.

Kiev, esterno giorno. Sui muri ciechi di palazzoni enormi, mastodontici murales. Roba che spesso bisogna andare anche a un chilometro di distanza per ammirarli per bene. Potrebbe essere l'evoluzione della scena della street art che descrive Neakone, ma sarebbe impensabile fare lavori del genere illegalmente e senza essere fermati dalla polizia. La capitale ucraina schiacciata dal cielo di piombo ora trova il colore, lo fa attirando i più grandi artisti da tutto il mondo, raccontando sui muri le storie di un Paese ancora in guerra. Nel centro di Kiev e nei quartieri dormitorio della periferia. Ma quello che si nasconde dietro alla vernice è la politica che opera a metà tra mecenatismo e propaganda. Impossibile dipingere un muro enorme senza il permesso dell'amministrazione, che spesso paga anche il materiale e stipendia gli artisti. I creativi mostrano il bozzetto agli uffici che, se approvano, danno il via libera. Il governo così prova a rendere più bella le città, distogliendo, a detta di molti, l'attenzione su temi più urgenti.

Beyond conflict stories



This article is part of the media exchange project Beyond conflict stories, which links Ukrainian independent media with "alternative" media in Germany, France, Spain, Italy and Greece. Follow the critical, informed and nuanced voices that counter the dominant discourse of crisis concerning Ukraine.
"Sono solo decorazioni", spiega Vladyslava Osmak, direttrice del Centro di studi urbani dell'Università nazionale Kyiv-Mohyla."Lospazio pubblico ha bisogno di un altro utilizzo. I murales sono l'ultimo tassello ma il sindaco di Kiev, Vitalij Klycko, ha altri progetti".

Ora che nel Paese stanno operando a pieno regime le 4 leggi sulla decomunizzazione (che prevedono tra l'altro l'eliminazione di ogni simbolo, statua o mosaico, prodotto durante il periodo sovietico) e parte della memoria storica e artistica è stata o sta per essere smantellata, i murales potrebbero essere la nuova forma d'arte che connoterà l'Ucraina nei prossimi anni. I meravigliosi mosaici che riempivano le stazioni delle metropolitane e i palazzi sono quasi tutti stati strappati o coperti, le statue di Lenin abbattute. "Abbiamo sempre avuto una tradizione di arte muraria, per esempio con i mosaici", spiega Oleg Sosnov, curatore che collabora con Sky Art Foundation, un'organizzazione impegnata in progetti artistici tra cui quello dei giganteschi murales. Lui ha scelto di lavorare col governo ma solo a patto che non sia messo in discussione il tema scelto dall'artista. "Non vogliamo cancellare quello che c'era, ma solo aggiornare l'aspetto del nostro Paese", racconta ancora Oleg seduto su un'altalena nel parco Heaven's hundred davanti al murales dedicato a Sergei Nigoyan, il primo ragazzo ucciso durante la Rivoluzione. Un'opera in un luogo carico di significato e memoria, realizzata dall'artista portoghese Vhils.

Se qualcheannofa il governononappoggiava festival artistici, dopo Maidan ha cambiato opinione. "Ora tutti vogliono migliorare le cose", racconta ancora Oleg. Anche il governo ha colto al volo questa opportunità. "Puro marketing, lo stesso metodo usato dall'Unione sovietica quando commissionava opere artistiche, nulla è cambiato", puntualizza Zhenya Molyar, che lavora al centro culturale Izolyatsia. Insieme ad altri cerca di catalogare i pezzi artistici ancora rimasti intatti, "prima che la decomunizzazione porti il grande vuoto".

Una voragine culturale che nel frattempo è colmata dai murales di star della street art ucraina come Aec (Aleksei Bordusov) e Waone (Vladimir Manzhos), che assieme formano Interesni Kazki, letteralmente "Favole interessanti". Negli Stati Uniti le opere di Waone sono quotate fino a 50mila dollari, i suoi lavori sono un insieme di simboli aggrovigliati. Incredibili e giganteschi come Time for change in cui figure mitologiche raccontano i temi caldi del Paese: l'enorme potere della propaganda e il patriottismo.

C'è Dima Fatum che durante l'inverno lascia i muri per lavorare alle tele. Il suo ultimo progetto è un trittico con Mao, Fidel Castro e Stalin, raffigurati alla maniera di Arcimboldo: i volti sono composti da mille elementi che soltanto a una certa distanza permettono di riconoscere il soggetto del ritratto. È il suo modo di descrivere la complessità dei regimi.

Sasha Korban era un ex minatore del Donbas, nell'estrema periferia di Kiev ha dipinto una ragazza che suona il violino su un palazzo di 10 piani. L'australiano GuidoVanHelten, legato al progetto ArtUnitedUs, ha ritratto la famosa poetessa Lesya Ukrainka in abito tradizionale ucraino, la vyshyvanka. Un omaggio alla patria. Purtroppo sembra che il modello usato per dipingere il volto sia molto simile a quello stampato su una cartolina di propaganda sovietica degli anni Settanta. "Le assurdità dell'amministrazione di Kiev, che vuole fare propaganda ma sbaglia e usa la stessa arma usata dall'ex Unione Sovietica e ora dalla Russia", spiega ancora Vladyslava Osmak. Sergiy Radkevich invece disegna sui muri grandi volti di Cristo: "Nel 2015 sono stato invitato a partecipare a un progetto collettivo, ma quando ho capito che c'era un legamecon il governohorifiutato. Penso che con i murales a Kiev si stia replicando quello che accadeva all'inizio del periodo post sovietico: cercare di cambiare le emozioni della gente attraverso le immagini. A metà tra la promozione artistica e il tentativo di ricreare un passato pittorico che non c'è più".

 



Published 2016-12-30


Original in Italian
First published in pagina99, 23 December 2016

Contributed by Ilaria Morani
© Ilaria Morani / pagina99
© Eurozine
 

Focal points     click for more

Debating solidarity in Europe

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/solidarity.html
In the aftermath of the 2008 financial crisis, questions of inequality and solidarity have become intertwined. Over the past year, however, questions of solidarity have also been central in connection to the treatment of refugees and migrants. [more]

Ukraine: Beyond conflict stories

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/ukraine_beyond_conflict4.html
Follow the critical, informed and nuanced voices that counter the dominant discourse of crisis concerning Ukraine. A media exchange project linking Ukrainian independent media with "alternative" media in Germany, France, Spain, Italy and Greece. [more]

Russia in global dialogue

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/eurocrisis.html
In the two decades after the end of the Cold War, intellectual interaction between Russia and Europe has intensified. It has not, however, prompted a common conversation. The focal point "Russia in global dialogue" seeks to fuel debate on democracy, society and the legacy of empire. [more]

Ukraine in European dialogue

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/ukrainedialogue.html
Post-revolutionary Ukrainian society displays a unique mix of hope, enthusiasm, social creativity, collective trauma of war, radicalism and disillusionment. Two years after the country's uprising, the focal point "Ukraine in European dialogue" takes stock. [more]

Culture and the commons

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/culturecommons.html
Across Europe, citizens are engaging in new forms of cultural cooperation while developing alternative and participatory democratic practices. The commons is where cultural and social activists meet a broader public to create new ways of living together. [more]

2016 Jean Améry Prize collection

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/jeanameryprize2016.html
To coincide with the awarding of the 2016 Jean Améry Prize for European essay writing, Eurozine publishes essays by authors nominated for the prize, including by a representative selection of Eurozine partner journals. [more]

The politics of privacy

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/privacy.html
The Snowden leaks and the ensuing NSA scandal made the whole world debate privacy and data protection. Now the discussion has entered a new phase - and it's all about policy. A focal point on the politics of privacy: claiming a European value. [more]

Beyond Fortress Europe

http://www.eurozine.com/comp/focalpoints/lawborder.html
The fate of migrants attempting to enter Fortress Europe has triggered a new European debate on laws, borders and human rights. A focal point featuring reportage alongside articles on policy and memory. With contributions by Fabrizio Gatti, Seyla Benhabib and Alessandro Leogrande. [more]

Vacancies at Eurozine     click for more

Eurozine is seeking an Online Editor and Social Media Manager for its office in Vienna.

Preferred starting date: February 2017.
Applications deadline: 31 January 2017.

Conferences     click for more

Eurozine emerged from an informal network dating back to 1983. Since then, European cultural magazines have met annually in European cities to exchange ideas and experiences. Around 100 journals from almost every European country are now regularly involved in these meetings.
Mobilizing for the Commons
The 27th European Meeting of Cultural Journals
Gdańsk, 4-6 November 2016

http://www.eurozine.com/comp/gdansk2016_official.html
The Eurozine conference 2016 in Gdańsk framed the general topic of solidarity with a focus on mobilizing for the commons. The event took place in the European Solidarity Centre in Gdańsk and thus linked contemporary debate to the history of a broad, non-violent, anti-communist social movement which has started in the city's shipyard in 1980. [more]

Support Eurozine     click for more

If you appreciate Eurozine's work and would like to support our contribution to the establishment of a European public sphere, see information about making a donation.

Eurozine BLOG

On the Eurozine BLOG, editors and Eurozine contributors comment on current affairs and events. What's behind the headlines in the world of European intellectual journals?
Eurozine
In memoriam: Ales Debeljak (1961-2016)

http://www.eurozine.com/blog/in-memoriam-ales-debeljak-1961-2016/
On 28 January 2016, Ales Debeljak died in a car crash in Slovenia. He will be much missed as an agile and compelling essayist, a formidable public speaker and a charming personality. [more]

Time to Talk     click for more

Time to Talk, a network of European Houses of Debate, has partnered up with Eurozine to launch an online platform. Here you can watch video highlights from all TTT events, anytime, anywhere.
Neda Deneva, Constantina Kouneva, Irina Nedeva and Yavor Siderov
Does migration intensify distrust in institutions?

http://www.eurozine.com/timetotalk/does-migration-intensify-distrust-in-institutions/
How do migration and institutional mistrust relate to one another? As a new wave of populism feeds on and promotes fears of migration, aggrandising itself through the distrust it sows, The Red House hosts a timely debate with a view to untangling the key issues. [more]

Editor's choice     click for more

Jürgen Habermas, Michaël Foessel
Critique and communication: Philosophy's missions

http://www.eurozine.com/articles/2015-10-16-habermas-en.html
Decades after first encountering Anglo-Saxon perspectives on democracy in occupied postwar Germany, Jürgen Habermas still stands by his commitment to a critical social theory that advances the cause of human emancipation. This follows a lifetime of philosophical dialogue. [more]

Literature     click for more

Karl Ove Knausgård
Out to where storytelling does not reach

http://www.eurozine.com/articles/2014-04-03-knausgard-en.html
To write is to write one's way through the preconceived and into the world on the other side, to see the world as children can, as fantastic or terrifying, but always rich and wide-open. Karl Ove Knausgård on creating literature. [more]

Jonathan Bousfield
Growing up in Kundera's Central Europe

http://www.eurozine.com/articles/2013-08-16-kuisz-en.html
Jonathan Bousfield talks to three award-winning novelists who spent their formative years in a Central Europe that Milan Kundera once described as the kidnapped West. It transpires that small nations may still be the bearers of important truths. [more]

Literary perspectives
The re-transnationalization of literary criticism

http://www.eurozine.com/comp/literaryperspectives.html
Eurozine's series of essays aims to provide an overview of diverse literary landscapes in Europe. Covered so far: Croatia, Sweden, Austria, Estonia, Ukraine, Northern Ireland, Slovenia, the Netherlands and Hungary. [more]

Debate series     click for more

Europe talks to Europe

http://www.eurozine.com/comp/europetalkstoeurope.html
Nationalism in Belgium might be different from nationalism in Ukraine, but if we want to understand the current European crisis and how to overcome it we need to take both into account. The debate series "Europe talks to Europe" is an attempt to turn European intellectual debate into a two-way street. [more]

Multimedia     click for more

http://www.eurozine.com/comp/multimedia.html
Multimedia section including videos of past Eurozine conferences in Vilnius (2009) and Sibiu (2007). [more]


powered by publick.net